Richiedere iscrizione all’asilo nido

Servizio attivo

Il servizio permette di richiedere al Comune l'iscrizione all'asilo nido per il proprio figlio di età compresa tra i 0 mesi e i 3 anni.

A chi è rivolto

Sono ammessi a fruire dell’asilo nido i bambini fino a tre anni, fatta salva l’eccezione di cui all’ultimo comma dell’art. 4 del presente Regolamento, le cui famiglie risiedano o prestino attività lavorativa nel comune di Viagrande ai sensi art. 13 L. 104/92 art. 3 L. R. 214/79 e ss.mm.e ii.

Qualora si dovesse verificare la disponibilità di posti vacanti , si possono prendere in considerazione anche bambini che risiedono in comuni limitrofi a quello di Viagrande.
Tali richieste verranno inserite nella lista d’attesa.
Qualora il bambino compia i tre anni durante l’anno scolastico in corso, l’ammissione è prorogata fino allo scadere dello stesso, art. 3 L. R. 214/79 e ss.mm.e ii.
Eventuali minorazioni psico – motorie non possono costituire causa di esclusione dall’asilo nido, al contrario devono essere favorite la frequenza e l’integrazione dei bambini con handicap e garantite le condizioni idonee ed il necessario supporto ,art. 3 L. R. 214/79 e ss.mm.e ii

Come fare

Le domande di ammissione, sottoscritte dal genitore o da chi esercita la potestà genitoriale sul minore, devono essere presentate dal 2 maggio al 30 giugno per la graduatoria da formulare ed affiggere, entro la terza settimana di luglio , all’albo pretorio del Comune e nei locali dell’asilo nido art. 3 L. R. 214/79 e successive modifiche ed integrazioni.
Le domande che perverranno successivamente alla suddetta scadenza , verranno inserite nella lista d’attesa in ordine cronologico di ingresso al protocollo generale del Comune di Viagrande entro e non oltre il 30 aprile dell’anno scolastico in corso e saranno prese in considerazione compatibilmente ai posti disponibili e allo scorrimento ed esaurimento della graduatoria.

Cosa serve

Per utilizzare il servizio on line occorre avere SPID o CIE:

Per attivare SPID, visita (*)
Per attivare la CIE, visita (*)

Per inoltrare la richiesta di attivazione servono:

Le domande devono essere corredate dai seguenti documenti in carta semplice:

  •  dichiarazione sostitutiva unica dei genitori;
  •  dichiarazione sostitutiva di disponibilità al lavoro nel caso di disoccupazione;
  • certificato rilasciato dalla A.S.P. competente territorialmente per i bambini portatori di handicap;
  • attestato di servizio comprovante l’attività lavorativa del genitore o dei genitori
  • certificato di vaccinazione

L’utente alla presentazione dell’istanza dovrà autocertificare, ai sensi del D.P.R. n° 445 del 28.12.2000 e succ. modif. ed integrazioni , in merito allo stato di famiglia, al luogo di residenza.

L’Amministrazione ove ravvisi dubbi sulla situazione reddituale effettuerà controlli fiscali, allo scopo di perseguire eventuali abusi, per mezzo dei propri organi competenti.

Cosa si ottiene

Il servizio permette in primo luogo di comporre la graduatoria da formulare ed affiggere, entro la terza settimana di luglio , all’albo pretorio del Comune e nei locali dell’asilo nido art. 3 L. R. 214/79 e successive modifiche ed integrazioni.

L’iscrizione consente la frequenza nella struttura, è comprensiva dei pasti.

L’iscrizione si rinnova automaticamente fino alla conclusione dell’anno scolastico in cui il minore compie i tre anni, età in cui è previsto il passaggio alla scuola materna.

Tempi e scadenze

Apertura iscrizioni

2° maggio – Avvio della raccolta delle domande di ammissione

Termine presentazione domande

30 giugno – Scadenza termini di presentazione delle domande ai fini della composizione della graduatoria

Quanto costa

La frequenza all’asilo comporta il pagamento di una retta di compartecipazione, come da tabelle approvate dalla Giunta Comunale. La Giunta Comunale, in fase di definizione periodica delle tariffe, fissa l’entità della quota contributiva a carico degli utenti tenuto conto del valore ISE della Situazione Economica Equivalente, del nucleo familiare Nel caso di genitori coniugati ma con diversa residenza anagrafica, il reddito complessivo su cui calcolare la retta sarà quello del nucleo familiare con entrambi i genitori. Analogamente si procederà nel caso di genitori non coniugati facenti parte di due diversi nuclei familiari, salvo i casi in cui la potestà genitoriale è ascritta a uno solo dei genitori.

La compartecipazione al costo del servizio per i non residenti è quella massima prevista nella tabella approvata dalla Giunta Municipale.

Argomenti:

Pagina aggiornata il 11/01/2024, 14:50

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri